sabato 29 settembre 2012

LA CANDIDATURA BIS DI ANTONELLO SINATRA, SERVITOR DI DUE PADRONI

La Politica
Scritto da ADOMEX   
Sabato 29 Settembre 2012 18:21
Una campagna elettorale che sembrava nervosa, intrisa da odii personali, contrapposizioni dure, voglia di rivoluzione, un clima che non faceva presagire un confronto sereno sulle prospettive politiche, sui programmi.
Improvvisamente, un bagliore inatteso squarcia il cielo plumbeo della politica siciliana. Ce lo rendono i quotidiani della mattina del sabato che segue la data di presentazione delle liste per le regionali. Notiamo con enorme attrazione che a qualcuno non basta una sola candidatura ma addirittura riesce a farsi candidare in due liste. E se questo non bastasse, perfino in due coalizioni contrapposte a sostegno di due candidati presidenti diversi. Una vera chicca per i cacciatori del gossip politico. Una illogicità che definiremmo genetica, conoscendo i trascorsi del personaggio.
Questi è Antonino Sinatra da Paternò, chiamato da tutti Antonello, che dopo avere rotto con la comitiva del pistacchio di Firrarello, Castiglione e Torrisi, che a suo dire nulla gli aveva dato in termini politici, di visibilità e di poltrone per se o per gli amici suoi, se non quelle conquistate a suon di voti da dieci anni a questa parte, prima di consigliere comunale a Paternò ed in seguito di consigliere provinciale a Catania, aveva come ha, deciso di scendere in campo per un seggio all’Assemblea Regionale Siciliana. Avrebbe voluto, come vorrà certamente, se il peso del ridicolo non lo travolgesse, dimostrare tutto il proprio valore, comprovando altresì di essere lui il vero motore elettorale della città (Paternò) e perché no tentare anche di essere eletto.