martedì 6 marzo 2012

FREDDURE … A PATERNO’ ALLA FINE ARRIVA LA RIFFA


PDFStampaE-mail
Politica - Politica Notizie
Scritto da ADOMEX   
Lunedì 05 Marzo 2012 23:56

Ne avevamo sentite una varietà di proposte per la scelta di candidature per la formazione di una classe dirigente durante la nostra antica presenza collaterale o meno al mondo della politica.
E ne abbiamo anche subito molte di scelte, come cittadini, scellerate e parodiate dai concorsi canori come quella che “chi arriva primo va a fare l’amministratore”, ma non di Roccacannuccia, bensì della seconda città della provincia di Catania. Come quella effettuata nel 2007, proprio nella città dell’arancia rossa, da Forza Italia, la formazione? Frisenna, Leone, Sinatra, del risultato canoro e non aggiungiamo altro.
Scelte così amorfe e prive di discrimine metodologico serio il quale si basa non sulla meritocratica bensì su una gara, come il televoto, che porterebbe anche lo scemo del villaggio, che ha consenso, a essere chiamato ad amministrare una città complessa e difficile come Paternò.
Abbiamo anche assistito alle primarie non primarie come quelle del centrosinistra della stessa città, che dopo averle celebrate immediatamente smentite con la candidatura di entrambi i concorrenti.
Anche alle imposizioni milanesi che provenivano, in verità, da altri mondi, che calavano personaggi inadeguati.
Ogni metodo è stato buono quando si percepisce la volontà dello “scegliere di non scegliere”.
Avevamo proprio assistito a tutto, ma alla RIFFA giammai!
Invece ecco che improvvisamente arriva la proposta. Dopo che sembrava che tutte le formazioni politiche di centro e di centrodestra fossero convenuti sulla candidatura esogena ai partiti nel nome dell’avv. Asero, ecco che arriva la riffa. Dicesi riffa (citiamo il dizionario della lingua italiana) lotteria privata in cui si vincono oggetti di diverso valore, come il sindaco, il vice sindaco e il presidente del consiglio comunale (aggiungiamo noi).
Venghino signori venghino. Prendete un biglietto (“a polisa”) e vediamo che ti tocca fare.
Non è uno scherzo, nella giornata di oggi è stata fatta questa proposta da Nino Naso e da Vito Rau a più di un esponente politico locale (che puntualmente lo ha riferito a noi) … la riffa.
Regolamento: si dovrebbero riunire i tre aspiranti sindaci tramontati, a dir dei proponenti, e mollati dalle proprie formazioni cioè lo stesso Naso, Lo Presti e Panebianco (ma di questi ultimi due non abbiamo notizie) ed ognuno di loro dovrebbe pescare una “polisa” da un contenitore appositamente forgiato e leggere cosa gli toccherà fare nei prossimi cinque anni, uno sindaco, uno vice sindaco e l’altro presidente del consiglio.
Un’altra variabile, inusitata e nuova finora, per scegliere la classe dirigente in maniera originale, creativa, astrusa, eccentrica, incomprensibile, fantasiosa, bizzarra, comica, ridicola, grottesca, incredibile, mirabolante e sorprendente (per finirla qui ma avremmo voluto continuare).
A noi la riffa ci affascina …. ma solo se il premio è MONICA BELLUCCI, non per altro!!!