mercoledì 29 ottobre 2008

Catania: Gibiino interviene su nomine cda delle società partecipate

(fonte: cataniaoggi.com)


Sulla sostituzione dei componenti dei cda delle società partecipate del Comune di Catania e la nomina di una terna identica per tutte le società stesse interviene il coordinatore provinciale On.le avv. Vincenzo Gibiino per stigmatizzare sulle modalità, la metodologia e sulle finalità. La considerazione che gli stessi componenti i nuovi cda non percepiscano stipendi non può lasciare soddisfatti in maniera così semplicistica. Preoccupa, continua Gibiino, che i componenti stessi siano già chiamati a compiti notevolmente gravosi presso il Comune di Catania e altre Istituzioni e non si vede come gli stessi possano svolgere a pieno le nuove funzioni. Le società partecipate essendo pubbliche di diritto privato devono, pur nell’alveo di finalità pubbliche, perseguire e seguire il mercato: ed allora delle due l’una o sono in grado di rimanere sul mercato, produrre utili e concorrere a rimpinguare le magre casse del Comune, ovvero debbono essere sciolte. Altro argomento, aggiunge Gibiino, è il costo delle indennità dei componenti; è bene chiarire che i manager vanno valutati non sul parametro di quanto costano ma di quanto rendono e producono.