domenica 28 dicembre 2008

Paternò, Forza Italia forza la mano, interviene l'on.le Torrisi

Abbiamo raggiunto l’On.le Torrisi al telefono per comprendere meglio la strategia complessiva che il PdL, ed in particolare la componente F.I., vuole adottare rispetto all’emergenza amministrazione a Paternò e quali uomini devono incarnare il nuovo corso politico, adesso che le scelte (e finalmente) le compie la rappresentanza locale.

“Noi mettiamo in campo i nostri migliori uomini dal punto di vista qualitativo ed amministrativo, - afferma Salvo Torrisi - abbiamo già rassegnato al Sindaco le nostre decisioni che entro la fine dell’anno dovrà compiere. Entreranno in Giunta: Pippo Torrisi che probabilmente assumerà la delega dell’Urbanistica e tra l’altro dovrà coordinare la linea politica di F.I. all’interno dell’amministrazione; Gaetano Laudani che lascerà la Presidenza dell’AMA per assumere l’assessorato ai Servizi Tecnici, Manutentivi e Verde Pubblico; Marilina Cancellieri, che lascerà la presidenza dell’Istituzione Biblioteca per assumere la delega ai Servizi Sociali. L’avvocato Vittorio Lo Presti, vista la sua attuale incompatibilità con la carica di assessore, andrà alla Presidenza dell’AMA. Stiamo mettendo in campo le migliori energie e professionalità, ma non basta, abbiamo sollecitato ancora una volta il Sindaco a fare l’annunciata rotazione del personale dirigente e relativi sostituti, in quanto riteniamo che nessuno può permanere per anni nello stesso posto, dove potrebbe essere fuorviato rispetto alla terzietà che dovrebbe esercitare. Solo adesso siamo stati messi in condizione di decidere in loco senza nessuna interferenza esterna, ed adesso abbiamo cercato di compiere le scelte degli uomini che riteniamo più di qualità. Era stato chiesto anche a Daniele Venora di partecipare alla Giunta, lui ha preferito continuare l’opera di raccordo politico in consiglio quale Capogruppo di F.I.”

Certo i propositi sono buoni, ma il confronto col Sindaco non risulta facile, non solo Torrisi, ma anche in AN c’è insofferenza. Non capisce Failla che le scelte devono essere nette, certe e tempestive. Come se vivesse in altro mondo rispetto ai fatti che potrebbero ammorbare la cosa pubblica.Noi saremo sempre vigili e critici.

Ora riteniamo che spetti anche alle altre forze politiche tirare dritti in direzione di una diversa qualità degli uomini che finora ci sono stati e che le devono rappresentare, senza calcoli di sorta alcuna.

Il confronto è interessante e ci stuzzica a proporre, trascorse le feste, un FORUM SULLA CITTA’, ove si possa dibattere, seriamente, sul rilancio della Politica nella sua forma più alta, facendo intervenire tutte le forze politiche, sindacali, dell’associazionismo, la cittadinanza attiva, ed anche personalità della cultura e delle istituzioni sovra comunali per dare un restiling, anche nella sostanza, a Paternò