venerdì 22 febbraio 2008

ULTIMORA SICILIA: FI LANCIA LA CANDIDATURA DI PRESTIGIACOMO

Cambio di strategia per la candidatura al governo della Regione siciliana. Secondo quanto apprende l'Agenzia Agi da fonti parlamentari azzurre, il partito in Sicilia avrebbe trovato un accordo per lanciare il nome dell'ex ministro per le Pari opportunita', Stefania Prestigiacomo. Sul nome dell'esponente azzurra ci sarebbe anche la convergenza dell'Mpa di Raffaele Lombardo sostiene l'Agenzia AGI.

Giuseppe Castiglione, vicecoordinatore regionale del partito di Berlusconi, mentre sono in corso nuovi contatti con il Cavaliere, ci dice: "La candidatura di Stefania Prestigiacomo è autorevole, ma noi dobbiamo ad ogni costo ricercare una convergenza col MpA e lavorare assieme a Raffaele Lombardo per la Sicilia".

"Ci hanno proposto il nome di Stefania Prestigiamo. Ma per noi la candidatura di Lombardo e' irrinunciabile". Fonti vicine al leader dell'Mpa Raffaele Lombardo - il senatore Giovanni Pistorio, raggiunto al telefono - chiarisce che per ora non ci sono le condizioni per convergere sul nome di Stefania Prestigiacomo. "Ho appena parlato con Raffaele: per lui, la scelta di correre per la Regione è irrinunciabile". E ci dichiara: "E' una stronzata stostenere che Raffaele Lombardo rinuncerebbe alla candidatura, si va avanti con forza anche da soli, assieme a quanti condividono il nostro programma autonomista. La candidatura della Prestigiacomo è perfetta ........... ma per il PdL, non per noi". E conferma l'apertura della campagna elettorale per domenica pomeriggio ad Acireale.

"Il nostro candidato era e rimane Raffaele Lombardo", ci afferma Saverio Romano, segretario dell'UDC in Sicilia.
Sul nome dell'ex ministro per le Pari opportunita' il partito azzurro ha forse trovato un'intesa ancora flebile per lanciare una candidatura unitaria al governo della Sicilia, è decisivo accordarsi con l'MpA.

Ma come noi sosteniamo da tempo (leggi intervista con Cuffaro), anche a costo di dire stronzate, per Lombardo la corsa alla Presidenza delle Regione Sicilia non è la scelta prioritaria, il suo obiettivo è un posto di Ministro a Roma dal quale può far crescere il suo movimento nel meridione d'Italia, assumendo posizioni politiche più ampie.
ore 11:58