sabato 12 gennaio 2008

Ex folliniani e Mpa si fondono in un unico movimento


Gli ex folliniani si federano con il Movimento per l'autonomia di Raffaele Lombardo. La fusione dei due movimenti sarà annunciata alla Camera dei deputati il 22 gennaio. La quasi totalità degli esponenti dell'Italia di mezzo, movimento fondato da Marco Follini poco più di un anno fa, scelgono di stare con il leader autonomista siciliano.

Tra loro i campani Enzo Scotti e Antonio Milo, gli abruzzesi Giorgio De Matteis e Claudio Di Bartolomeo, i lucani Gianfranco Blasi e Antonio Flovilla. Quasi tutti amministratori regionali e ex parlamentari che avevano abbandonato Follini dopo il suo trasloco nel Partito democratico e si erano riuniti sotto il tetto dell'Italia di centro.

I due soggetti diventeranno un unico movimento che avrà una struttura federalista con l'obiettivo di attribuire maggiori poteri ai livelli regionali che saranno coordinati da un presidente (che potrebbe essere l'ex ministro Scotti). I nomi originari dei partiti saranno mantenuti, per cui il nuovo progetto politico - che intende presentarsi già alle prossime amministrative - si chiamerà L'Italia di centro-Movimento per l'autonomia.