sabato 29 dicembre 2007

PRODI BUGIARDO SE I NUMERI SON QUESTI

"'Italia? Vecchia e povera". Anche il Times londinese, dopo il New York Times, boccia l'Italia. "La dolce vita diventa amara. L'Italia deve fare i conti con l'essere vecchia e povera", è il titolo di un ampio articolo del quotidiano britannico, secondo il quale dietro le scintillanti decorazioni natalizie che rallegrano Piazza Navona e San Pietro, nel cuore di Roma, gli italiani a casa sono consumati da un enorme senso di depressione. E' vero, ma i nostri giornalisti scorrazzano dietro ai politici e non lo possono dire. Mentre l'anno volge la termine - scrive il giornale - l'Italia resta vittima dell'angoscia. Questo malessere va ben oltre l'aumento dei prezzi e la stagnazione dei salari, ma raggiunge il cuore del dibattito sull'Italia stessa, sulla propria anima e identità.

Gli unici italiani che brillano sono quelli che se sono andati. Fabio Capello ha preso la guida della nazionale inglese e Carla Bruni ha conquistato il cuore del presidente francese.

Numeri della crisi italiana (secondo il Times)
0%

Tasso di crescita della popolazione italiana.
42,5
Età media degli italiani; in Gran Bretagna è di 38,5 anni.
65
Un italiano su cinque ha più di 65 anni.
1,29
Figli per donna italiana. Il tasso minimo di rinnovamento della popolazione (perché il numero di abitanti si mantenga stabile) è di 2,1 figli per donna.
120
Giorni di lavoro persi ogni anno per sciopero ogni mille abitanti, nel periodo 2001-2005. In Gran Bretagna lo stesso valore è di appena 26 giornate di lavoro.
20°
Posizione dell'Italia secondo lo Human Development Index. l'indice usato dall'Onu per misurare il grado di sviluppo di un Paese. L'Italia è quattro gradini dietro la Gran Bretagna e sette dietro la Spagna. E per giunta, nel corso di un anno, ha perduto tre posizioni.
7%
Il tasso di disoccupazione in Italia: è più basso in 76 Paesi, incluse Romania, Nigeria, Cambogia e Ucraina.
106%
Il debito pubblico rispetto al Pil. E' il sesto peggior valore al mondo.