mercoledì 19 dicembre 2007

Sarkozy a Roma, arriva anche Carla Bruni ? - (VIDEO)


“Il Papa, l’Alitalia, l’Unione Mediterranea sono al centro della prima visita in Italia di Nicolas Sarkozy – scrive il CORRIERE DELLA SERA - . Temi importanti, ma i riflettori sono puntati su chi sarà al fianco del presidente della Repubblica Francese. Ci sarà Carla Bruni, nuova fiamma, compagna non più segreta, prossima first lady e da subito accompagnatrice ufficiale? Da molte indiscrezioni, l'ex indossatrice quarantenne, oggi cantante di successo, sia pure con un filo di voce, è nella lista ufficiale della delegazione presidenziale. Di certo non vedrà il Papa (essendo peraltro in attesa di divorzio), non parteciperà alla cena di domani sera con Romano Prodi e il premier spagnolo Zapatero, ma volerà con Sarkozy, sarà a Roma e visiterà Palazzo Farnese, sede diplomatica della Francia, considerata la più bella ambasciata del mondo. Non ci sono conferme né da parte dell'Eliseo, né da parte italiana, ma la notizia circola nelle redazioni francesi ed è data per probabile dal Figaro, quotidiano vicino all'Eliseo. Sarkozy potrebbe voler evitare un eccesso di clamore o sfruttare la nuova ondata di celebrità. Anche per ridare ossigeno ai sondaggi un po' in ribasso. Il morale dei francesi è sotto i tacchi per quanto riguarda crescita economica e potere d'acquisto. Si moltiplicano voci di rimpasto nella squadra di governo, accompagnate da polemiche pubbliche fra ministri e contro ministri. Rachida Dati, la ministra della Giustizia, è il simbolo dell'era Sarkozy ma è anche la personalità più discussa e contestata. L'ultimo a farne le spese è stato il ministro degli Esteri, Bernard Kouchner, nel mirino dei fedelissimi dell'Ump, il partito di Sarkozy, per aver dichiarato il proprio sostegno al sindaco socialista di Parigi alle prossime elezioni municipali. La visita a Roma, oltre all'udienza prevista in Vaticano, sarà dedicata a questioni europee e al disegno di Unione Mediterranea, uno dei cavalli di battaglia di Sarkozy. Il presidente vuole convincere le capitali meno entusiaste, come Roma e Madrid. Si parlerà anche di Kosovo e del matrimonio Air France-Alitalia. Non è un mistero che l'Eliseo voglia contribuire all'accordo, anche se lo Stato francese ha ormai un ruolo di minoranza nella compagnia di bandiera transalpina. È però probabile che a Roma si cominci a parlare di un altro ‘matrimonio’. Sarkozy non si fa più vedere con la fede al dito, portata anche dopo l'ufficializzazione del divorzio da Cécilia. E Carla Bruni, anche sotto gli aspetti organizzativi, protocollari e di sicurezza, farebbe già parte della famiglia presidenziale”.